Archivi categoria: Italia

Il lunedì di Speranza #2

 

DSC_0295
Cagliari. Panoramica dal Parco della Musica

Inizio la settimana con serenità perché ho avuto un fine settimana di completo relax e una domenica magnifica di sole, natura e mare.

Ci voleva dopo una settimana di nuvole e pioggia, aspettata e gradita, ma da buona sarda dopo tre giorni ho cominciato ad essere irrequieta.

E’ bastato pazientare e ricordarsi che dopo la pioggia c’è sempre il sole.

Buon inizio di settimana a tutti.

DSC_0299
Fiori autunnali
DSC_0311
Mari Pintau. Mare Dipinto.
DSC_0307
Mari Pintau
DSC_0324
Spettacolo sulla Litoranea Panoramica per Villasimius

 

DSC_0312
Mari Pintau. Lavorare al pc in mezzo alla natura. Chi non vorrebbe farlo?
DSC_0305
Kal’e Moru
Annunci

The day after

Il giorno dopo Il lunedì di Speranza ha il gusto amaro e triste della sconfitta sportiva epocale. Ho visto la partita Italia-Svezia e tante volte la palla ha sfiorato i pali della porta avversaria.Ho visto le gambe troppo lunghe degli svedesi che riuscivano a non far entrare la palla dentro. Ho visto le lacrime dei calciatori.Piena di adrenalina sono andata a letto, ho dormito male e a sprazzi.

Il giorno dopo, oggi, il sole è sorto e compare a sprazzi. Lo so bene che a me non cambierà nulla, e così a milioni di italiani. Più tardi andrò a scuola e fra poco mi immergerò nella preparazione delle lezioni e della correzione dei compiti. Tutto si svolgerà normalmente. Solo con un po’ di tristezza e due battute davanti ad un caffè. Son ben altre le mie preoccupazioni e affanni. I problemi sportivi saranno risolti da altri più titolati di me. Però mi avrebbe fatto piacere vedere la Nazionale ai Mondiali, come sempre è stato da quando sono nata. La cosa positiva e anche davanti alle  macerie si può progettare di ricostruire e vedere un futuro migliore.

Il lunedì di Speranza

Inizio oggi una nuova rubrica settimanale che chiamerò Il Lunedì di Speranza. Si sa il lunedì è sempre un giorno un po’ così, si ricomincia il ciclo della settimana, e anche se il fine settimana non è stato un granché, o forse proprio per questo, abbiamo bisogno di uno slancio per iniziare bene le nostre attività.  

Il primo pensiero di Speranza è dedicato alla Nazionale di calcio, che oggi si gioca con la Svezia la qualificazione dei Mondiali di calcio che si terranno in Russia quest’estate. Venerdì in Svezia abbiamo perso giocando maluccio (eufemismo). Per il momento siamo più fuori che dentro, ma da  inguaribile ottimista penso che ce la possiamo fare, che i nostri giocatori tireranno fuori tutte le loro energie fisiche e psichice per fare l’impossibile.

Oggi c’è spazio solo per il tifo positivo e incondizionato.

Alé Italia! Forza Azzurri!

P.S. Non ho foto della Nazionale, non avendo mai avuto la possibilità e il piacere di vedere dal vivo una partita dell’Italia, per cui pubblico una foto che ho scattato alcuni mesi fa nel nuovo stadio del Cagliari.

 

 

Leggere la poesia

IMG_1875

Nell’ultimo post ho accennato al fatto che, nonostante la lettura rappresenti da sempre la mia più grande passione, per alcuni mesi , da aprile a giugno, non abbia letto alcun libro, Questa crisi era certamente dovuta alla stanchezza della fine dell’anno scolastico, che è stato molto pesante e debilitante, per cui non avevo voglia e non potevo certo apprezzare romanzi e storie. In quel periodo ho letto molti articoli di giornali online e ho frequentato, soprattutto,  come lettrice, i social Facebook , Twitter e Instagram,   Diciamo che in qualche modo la mia passione della lettura era soddisfatta, anche se in maniera insolita.

In quel periodo ho iniziato a seguire Alessandro D’Avenia che stava portando, nei teatri di tutta Italia, lo spettacolo tratto dal suo libro L’arte di essere fragili, come Leopardi può salvarti la vita. Nello spettacolo venivano fatti salire sul palcoscenico anche degli studenti che rappresentavano una classe delle superiori. Quando a maggio è venuto a Cagliari, mio nipote Jei ha avuto il privilegio di salire sul palco con lui.  Infatti il libro è una lettera indirizzata agli adolescenti, ma anche a noi adulti, affinché vedano in Leopardi un autore portatore di bellezza e felicità e non quell’inguaribile poeta pessimista e sfortunato.  In effetti ce lo hanno presentato in questo modo e a nostra volta lo trasmettiamo così. Alessandro D’Avenia invece ci presenta un giovane Leopardi vitale e tenace, capace di andare contro i dettami della nobile famiglia da cui proveniva. Un poeta che con sensibilità ha dato la sua risposta alle eterne domande che si pone l’uomo sulla ricerca di se stesso e del senso della vita. Con occhi nuovi ho riletto le liriche che non prendevo in mano dalle superiori e: ha ragione il prof. D’Avenia! E’ stata una riscoperta!

In Instagram ho scovatola poetessa indo-canadese Rupi Kaur. In quel periodo postava giornalmente una pagina delle poesie tratte dal suo libro Milk and Honey. I suoi versi mi colpivano perché parlavano delle donne, del loro dolore, perdita, riscatto e della loro guarigione.  A luglio il libro è stato pubblicato anche in italiano. L’ho letto tutto, ma ce l’ho sempre a portata di mano, lo apro a caso e ogni volta trovo un messaggio per me. L’autrice ha di recente pubblicato una seconda raccolta di poesie, The sun and her flowers, che per ora leggo in inglese quando vengono postate, aspettando la pubblicazione in italiano.

Fedele al detto che un libro tira l’altro, come le ciliegie, ho ripreso in mano La gioia di scrivere, la raccolta della poetessa polacca Wislawa Szymborska. Libro che avevo comprato e letto alcuni anni fa.  Anche lei ora è sempre a portata mano, pronta a farsi leggere e a colpirmi con i suoi versi.

Così pian piano mi sto accostando alla poesia. Se entro in una libreria cerco anche il reparto poesia, che di solito è striminzito o addirittura inesistente. In internet ci sono una marea di siti o blog dedicati alla poesia.  Alcuni ho iniziato a seguirli. Quanta bellezza nel mondo! Ci sono autori che vorrei avere nella mia biblioteca e pian piano arriveranno.

All’inizio di questo percorso ero un po’ intimorita. Come si leggono i libri di poesia? Dall’inizio alla fine? Una al  giorno? Così per terminare un libro ci impiego un secolo. A sbalzi,  come capita?  Ma corro il rischio di perdere qualche poesia. Allora ho deciso di leggere un libro di poesia dall’inizio alla fine, qualche poesia al giorno, nei vari momenti, quando sono ispirata. Tuttavia senza la frenesia di terminarlo. Ogni poesia è completa. Mi racconta una storia, un’emozione, un pensiero che inizia e finisce in pochi versi. Inoltre le poesia a volte non sono di immediata comprensione. Infatti talvolta mi rimane la sensazione di non aver centrato il messaggio del poeta. Oppure non so tradurre il pensiero in prosa, ma ho capito benissimo ciò che vuol comunicare. Lentamente mi sto liberando dal retaggio scolastico di  fare la versione in prosa delle poesie che leggo per me. Essendo una maestra non è facile, ma quest’atteggiamento mi sarà utile quando proporrò ai bambini la lettura delle prossime poesie.

Qualcuno che passa di qua legge poesie? Come fate?

 

Diario di lettura 2017

24) L’arte di essere fragili, Alessandro D’Avenia.

25) La gioia di scrivere, Wislawa Szymbroska.

26) Milk and Honey, Rupi Kaur.

 

 

Diario di lettura aprile-ottobre 2017

Anche se è da parecchi mesi che non do notizie sui libri che allietano le mie giornate,  da  aprile ad oggi ne ho letto parecchi. Certo, non ho il ritmo di un libro a settimana come gli  scorsi anni, ma nonostante ciò e alcuni mesi di non lettura, sono vicina alla mia media personale. Devo dire che, forse essendo più oculata e attenta, ho letto dei bellissimi libri. Per cui  ho un sentimento di gratitudine per tutti gli scrittori che mi hanno regalato dei bei momenti di relax e di riflessione.

Alcuni libri anche a distanza di mesi mi danno la stessa sensazione delicata che ho provato mentre leggevo. Così quando mi capitano ancora in mano, sfioro la copertina quasi per rievocare le parole che ho letto.

7) I colori dopo il bianco _Nicola Lecca. Silke a Marsiglia scopre che oltre al bianco esistono tanti colori che può usare anche lei per cominciare a vivere.

8) Le nostre anime di notte _Kent Haruf. Non ho parole per descrivere la pace e la serenità che mi ha regalato la storia di Addie e Louis. Inoltre, la scorsa settimana ho visto  l’omonimo film con Robert Redford e Jane Fonda, che pur avendo delle licenze rispetto alla storia, ha reso fedelmente l’atmosfera del libro.

9) Ciò che inferno non è _Alesssandro D’Avenia. E’ il romanzo autobiografico dell’autore adolescente che ha conosciuto Padre Puglisi. Ci racconta degli ultimi mesi del sacerdote e del ragazzino che è diventato di colpo un giovane uomo.

10) La strega di Portobello_Paulo Coelho. Credo di averlo letto in un momento sbagliato. Infatti  sebbene l’abbia terminato, la lettura è stata poco scorrevole.  La storia di Atena, viene raccontata da tutte le persone che conoscendola hanno avuto benefici dalla sua aura.

11) Il caso Malaussène _Daniel Pennac. Nel corso degli anni ho letto e riletto le vicende incredibili e contemporaneamente verosimili di questa famiglia allargata. Ho sempre desiderato che scrivesse altre vicende. Eccomi accontenta.

12) Io sono Dot_ Joe Lansdale. Dot vive la sua adolescenza a rotta di collo, non può fare altrimenti fino a quando, per tutta una serie di circostanze, comincia a tirare il fiato e trovare l’equilibrio.

13) Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte_Mark Haddon. Il titolo del libro, che è stato pubblicato nel 2003, è rimasto per anni piantato nella mia mente. Parecchie volte in libreria o biblioteca l’ho pure preso in mano, senza mai decidere di leggere neanche la prima pagina. Poi quest’estate in libreria l’ho aperto e ne ho letto l’incipit. Come ho fatto a non leggerlo prima? Christopher ci racconta in prima persona la sua vita di ragazzo autistico ad alto funzionamento.

14) Milioni di farfalle_Eben Alexander. L’autore, medico di fama mondiale, ci racconta la sua esperienza di extra-morte. Prima di questa esperienza era molto scettico al riguardo di esperienze simili vissute da altri. Il libro, pur usando un linguaggio abbastanza tecnico, è apprezzabile perché trasmette ancora la sorpresa che ha provato l’autore nel vivere e riflettere sulla sua vicenda

15) Passaggio in Sardegna_Massimo Onofri. Chi si trova per caso o per convinzione in Sardegn,a non può non amare i suoi paesaggi e la gente che oltre ad aggiungere un posto a tavola, se si fida talvolta, col cibo ti offre il cuore. Su strangiu, il forestiero, che arriva in  Sardegna non solo la vive e l’apprezza, ma desidera scrivere ciò che vive.

16) Non vi lascerò orfani, Daria Bignardi. Ci racconta la storia autobiografica della sua  famiglia e della sua infanzia. Mi piacciono le storie autobiografiche di quelli che sono miei coetanei o quasi.

17) La figlia dei fiordi,  Sandra Faè. Anche questo lo colloco tra i libri delicati, che ti regalano belle sensazioni tanto da dire: già finito? Nono, ancora.

18) Un incantevole aprile, Elizabeth von Arnim. Il libro è stato pubblicato per la prima volta nel 1922 e in Inghilterra divenne subito un bestseller, da cui vennero tratti anche due film. Quattro donne inglesi di variegate età decidono di fare un mese di vacanza in Liguria. Durante queste vacanze pian piano a turno sbocciano come i fiori liguri.

19) Le otto montagne, Paolo Cognetti. Da sarda che poche volte ha visto le montagne vere, ho apprezzato questa storia ambientata nelle montagne italiane.

20) L’Arminuta, Donatella Di Pietrantonio. La vicenda raccontata è straziante e l’autrice non fa sconti sull’incalzare degli avvenimenti. Sono rimasta senza fiato fino alla fine tanto che l’ho letto in un giorno.

21) La preghiera segreta _Joe Vitale e 22) Conoscere Ho’oponopono, Bailey Steven sono due libri che mi hanno permesso di conoscere la preghiera hawaiana e hanno arricchito la mia spiritualità. Continua a leggere Diario di lettura aprile-ottobre 2017

Cagliari I love you

Mentre mettevo a posto le bozze ho trovato questo post scritto a maggio. Non so perché non lo abbia pubblicato. Credo sia un peccato mandarlo nel cestino.

Negli ultimi fine settimana Cagliari e la Sardegna intera sono state protagoniste di una serie di eventi in cui hanno sprigionano tutta la loro  bellezza e potenzialità .

Ci sono  state le tre prime tappe del Giro d’Italia 💯. Non vi dico del tripudio e la felicità con cui sono stati accompagnati i ciclisti e tutta la macchina organizzativa. LAa gente dei paesi  e delle città attraversaet era in strada ore e ore ad aspettare il passaggio dei ciclisti. Nessuno è voluto mancare.

C’è  stato lo scioglimento del voto a S. Efisio che 361 anni fa salvò Cagliari dalla peste. Tutti gli anni la municipalità deve svolgere un pellegrinaggio a da Cagliari a Nora, dal 1 maggio al 4 maggio. La formula del  scioglimento del voto deve essere pronunciata entro la mezzanotte, dopo che la statua del santo è rientrata nella sua chiesa. Tutta la Sardegna partecipa con i rappresentanti dei paesi e città vestitini con i gli abiti trazionali. Le donne e gli uomini di ogni paese hanno vestiti e colori diversi. È uno spettacolo in cui fede e tradizione sono un tutt’uno. Credo che non ci sia un sardo che non abbia partecipato almeno una volta nella vita. E tutti coloro che partecipano, anche solo per assistere fanno parte del quadro. Pensate Cagliari non mantenne fede a questo voto anche nel 1943, quando era distrutta dai bombardamenti americani.  Ci sono dei filmati che mi fanno commuovere. Il santo attraversa una città letteralmente distruttaneanche. A mala pena si riconoscono pezzi di palazzi, ospedali o piazze. E ora è tutto ordinato e ricostruito. (Aleppo se ce l’ha fatta Cagliari, ce la puoi fare pure tu!)

Questo fine settimana c’era la manifestazione Monumenti aperti 2017. I monumenti di Cagliari e di altri paesi e città erano aperti e visitabili gratuitamente. In ogni sito i visitatori erano accompagnati dagli studenti di ogni ordine di scuola, dai bambini della primaria agli universitari. Praticamente una festa nella festa. Ho scoperto piccole e grandi storie di ogni epoca. Ho ammirato i monumenti,  ho apprezzato particolari che anche se c’ero passata centinaia di volte non avevo mai notato. Sono tornata a casa stanca per aver visitato otto siti in un a giornata. Sono tornata a casa felice e con il cuore pieno di gratitudine per chi ha vent’anni fa ha avuto l’idea di rendere accessibile a tutti siti bellissimi che sono chiusi tutto l’anno. Sono grata a tutti quelli che si sono impegnati tantissimo per realizzare questa bella e meravigliosa manifestazione. Ognuno dal più piccolo al più grande ha onorato l’impegno preso e ha fatto parte del bellissimo quadro umano di questi giorni.

A volte il cuore è cupo per le notizie che mi travolgono,  per la situazione economica e lavorativa dei miei concittadini e corregionali. Non parlo poi della situazione politica e amministrativa della Regione!

Oggi però c’è spazio solo per l’ottimismo.  Se un’ isola intera è riuscita organizzare questi belle manifestazioni c’è spazio per la speranza perché vuol dire che si può fare. Che non tutto è perduto.
E voi Continentali che leggete questo post e  volete farvi un weekend per uscire dalla solita routine pensate anche a Cagliari che in periodi di bassa stagione e con i voli low cost è accessibile a tutti.

 

In giro per la Sardegna: Porto Flavia

È autunno ma sembra primavera inoltrata. Le temperature sono al di sopra della media e le spiagge sono affollate. Molti temerari fanno pure il bagno. Io no, confesso che lo faccio raramente  pure in estate. Tranne questa ovviamente e la mitica estate del 2003.  Sabato mentre archiviavo l’attrezzatura estiva, Mylove, che di solito non fa proposte per  uscite domenicali, propone di non restare a casa e di fare una gita e visitare la galleria mineraria di Porto Flavia nella zona mineraria dell’iglesiente. Vista l’eccezionalita’  della proposta non potevo dire di no. Figurati se dico di no ad un’uscita! Con questo tempo poi!

Il Pan di Zucchero

Così con calma, senza stress, ieri ci siamo diretti verso la frazione di Nebida, che in sardo cui dire nebbia. Già a pochi chilometri dell’arrivo eravamo colpiti dalla vista del faraglione del Pan di Zucchero, chiamato così dal 1700 perché quando le sue rocce si sbriciolano per la forza degli agenti atmosferici sembra di avere dello zucchero a velo.

Spiaggia di Masua.

Le tante auto parcheggiate lontane dalla spiaggia di Masua presagivano il pienone;  all’arrivo non eravamo smentiti visto che c’era una gara di nuoto che aveva come tragitto dalla spiaggia di Masua al Pan di Zucchero. Noi, vestiti, in mezzo ai bagnanti e ai nuotatori che arrivavano,  ci godevano la gara è il panorama. Il mare era una tavola blu e non c’era un filo di vento. Dopo un po’ ci siamo decisi a fare la salita per Porto Flavia sperando che fosse aperto e ci fosse posto per la visita guidata. Siccome era una giornata dove i pianeti si allineavano abbiamo trovato posto e nel frattempo che aspettavamo il nostro turno abbiamo prenotato il ristorante. Poi abbiamo scoperto che era l’ultimo giorno della stagione! Che fortuna con la C maiuscola!

Ingresso della galleria

La visita alla galleria di Porto Flavia è stata bellissima per merito della brava guida che ci ha portato a fare un excursus che va dai milioni di anni fa in cui quelle rocce si sono formate, agli ottomila anni fa in cui si iniziò l’attività estrattiva nella zona, via via migliorata con i Fenici, i Romani, i Pisani, fino ad arrivare ai Belgi agli inizi del 1900.

 

Fino al 1920 il minerale veniva estratto nelle miniere dagli uomini e scelto dai bambini e le donne fuori dalle miniere e  poi trasportato con delle ceste nelle barche. I Belgi proprietari delle miniere ,  volendo trovare un modo economico per trasportare il minerale dalle miniere alle navi, costruirono in solo due anni una galleria di 600 metri. All’uscita, che è a picco sul mare, ci ritrova alla vista mozzafiato del maestoso faraglione Pan di Zucchero, che protegge l’uscita dal forte maestrale che batte la costa quasi quotidianamente.

Le attività di Porto Flavia terminarono nel 1963, quando l’attività estrattiva delle miniere della zona cominciò a declinare. Oggi in Sardegna c’è solo una miniera in attività, ma anch’essa è destinata alla chiusura, in quanto l’estrazione dei metalli è poco redditizia. Nonostante sia uno dei più pericolosi e faticosi, i minatori sardi chiedono con grandi manifestazioni che questa miniera rimanga aperta, ma credo che se avessero un’ alternativa degna della loro dignità sarebbero ben felici della chiusura.  

L’estrazione dei metalli in miniera ancora oggi nel mondo avviene, come in passato, con fatica, sudore e rischio della vita di uomini, donne e bambini che spesso sono mal retribuiti.

Il nome del porto è dovuto alla figlia dell’ingegnere Vecelli che la progettò. Dal 2000 la galleria è stata riaperta per i turisti, che oltre che a ridare vita ad un territorio devastato dalla disoccupazione hanno la possibilità di conoscere un’attività spesso sconosciuta e dimenticata.

Uscita della galleria.
Quest’ultima foto non è mia. L’ho voluta mettere perché, oltre al fatto che è bellissima, rende bene il lavoro che è stato fatto per realizzare quest’opera.

Povero blog

Povero blog abbandonato a se stesso! Come se non avessi nulla da raccontare, come se fossi diventata muta, insensibile. E’ invece solo pigrizia e l’abitudine di rimandare sempre a domani il prossimo post. Anche stasera prima di aprire il blog ho girovagato nei social e nei giornali. Che belle notizie ultimamente! Non bastava la Brexit, anche la Catalogna se ne va a ramengo, a come finirà non voglio neppure pensarci. Mentre negli USA l’ultima strage forse li farà rinsavire e decidere, se non a vendere qualche pistola in meno, a fare più controlli.

Tornando alla mia pigrizia da blog, è vero che il mondo può fare a meno dei miei post, è vero che non me lo ha ordinato il dottore, però se a me fa piacere, e mi piace leggere i post dei miei blogger preferiti, forse a qualcun altro farà piacere leggere qualche considerazione senza pretese di una maestra cinquantenne sulla sua semplice vita.

Vediamo se riesco a tenere fede al mio proposito di scrivere qua un po’ di più. E’che mi sono proprio impigrita perché scrivere un post decente costa un po’ di fatica e non è come negli altri social, che anche se sono iscritta non scrivo tanto neanche lì. Temo fb e i suoi fratelli  perché ho visto che gente normalissima che  si è trovata in mezzo a baruffe incredibili ed è  riuscita a cavarne piedi  dopo giorni e giorni, soffrendo tra l’altro tantissimo visto che il virtuale è alquanto reale.

Intanto saluto tutti quelli che passano di qua.

Per essere il primo post dopo lungo tempo, credo vada già bene, considerato che sono reduce da cinque ore di scuola al turno pomeridiano e le due ore di assemblea per l’elezione dei rappresentanti delle classi.

 

Attraversare la Sardegna e i ricordi

Per andare in vacanza a Castelsardo abbiamo percorso quasi tutta la SS 131 chiamata anche Carlo Felice perché parte dal centro di Cagliari, dove c’è la statua del viceré sabaudo Carlo Felice, e arriva a Porto Torres. Percorrere la Carlo Felice non è un semplice sedersi in auto e guidare fino all’arrivo, significa bensì attraversare l’anima dell’Isola. Se anche sei preso dai tuoi pensieri e non guardi il paesaggio, appena rientri in te stesso e butti l’occhio dietro il finestrino sai esattamente dove sei. Infatti il paesaggio cambia chilometro dopo chilometro. Si può dire che la 131 è l’indice del libro chiamato Sardegna. Lungo il suo percorso puoi vedere i campi di grano e le risaie del Campidano; nuraghi, pozzi sacri, muretti a secco del Marghine -Planargia, i sugheri scorticati del Sassarese e alla fine arrivi al  mare di Porto Torres. Qualunque sia la tua direzione il confine è sempre lui, il mare.

 

Per tornare a casa, non ci siamo preoccupati di immetterci subito nella 131, ma ci siamo addentrati nella zona interna di Nulvi, Chiaramonti, Martis, Ploaghe. Nella mia infanzia e prima adolescenza in estate ho avuto la fortuna di trascorrere alcuni periodi a casa degli zii di mio padre che vivevano in uno di questi paesi. Non andavo da quelle parti da circa 35 anni. Ho rivisto la casa dei miei zii che era stata venduta quando si erano trasferiti per venire a vivere nel nostro paese. Purtroppo la bella casetta curata dei miei ricordi ora è in stato di abbandono e vederla in quelle condizioni mi ha commosso fino alle lacrime. Ho pensato  a tutta la fatica che era stata fatta per costruirla, a tutte le speranze che erano custodite tra quelle mure. Mi sono vista bambina quando la casa mi sembrava enorme e  ho pensato a quegli zii che sono morti di nostalgia lontani dall’ambiente che era diventato casa. Ho fatto un filmato per farlo vedere a mio padre che quella casa è stata tirata su anche con il suo contributo manuale quando aveva appena quattordici anni. Anche lui si è commosso a vederla in stato di abbandono, ma ha detto che gli ha fatto piacere rivederla e ripensare alla sua gioventù.

Martis. Foresta pietrificata
Martis. Foresta pietrificata
Roccia dell’Elefante. Castelsardo

 

Vacanze in Sardegna

Valledoria

Le vacanze in Sardegna, per una sarda sembrerebbero una faccenda retorica, una cosa scontata. Ma così non è. Tutti vogliono fare le vacanze in Sardegna, ma noi sardi amiamo trascorrere le vacanze lunghe in Continente o all’estero. Tanto il mare ce lo abbiamo tutto l’anno, da qualunque luogo lo puoi raggiungere nel giro  di un’ora di auto. Quindi quando possiamo  attraversiamo il mare e ci godiamo le città d’arte, i musei o per rimanere stupiti davanti a quel  verde così verde che sembra che sia dipinto. Per queste ragioni quest’anno optavo per Amsterdam e così godere anche il bel fresco. Ma facendo quattro conti, con le spese che abbiamo avuto quest’anno abbiamo optato per stare qui in Sardegna.

Lu Bagnu. Tramonto dalla finestra

Sfatiamo il mito che la Sardegna è cara. Non è che un sardo quando sbarca in Continente trova le cose gratis. Non è che se prendo un caffè nel più rinomato bar di piazza S.Marco a Venezia lo pago come al bar del mio paese! Ieri hanno intervistato una signora che si lamentava che il giorno di Ferragosto ha pagato  50 euro il noleggio di un ombrellone e due sdraio. Non ho capito in che località fosse, ma certo non al Poetto. Signora mia, io sarda doc; con quella cifra compro un bellissimo ombrellone e lo utilizzo per lo meno dieci anni! Poi certo se voglio togliermi lo sfizio posso anche affittarlo e fare la vip senza arrivare in spiaggia tante borse e borsine. Con i soldi che risparmio posso andare in vacanza fuori.

S.Teresa di Gallura. Sfumature di blu ne abbiamo?

Non siamo di quelli che prenotano le vacanze estive in inverno. Noi prenotiamo quando si sa quanto denaro abbiamo a disposizione, quando sappiamo che entrambi siamo liberi e quando il livello di nervosismo in casa è al di sopra della soglia di tolleranza. Dico così perché per risparmiare un po’ molte volte siamo partiti dopo Ferragosto, che non è un periodo  da buttare, ma ormai io sono a ridosso del rientro a scuola e poi secondo me c’è già un po’ di malinconia per l’estate che ormai è andata. Comunque fatto sta che quest’anno abbiamo fatto le vacanze nella seconda settimana di agosto e siamo rientrati poco prima di Ferragosto per evitare il pienone, che quello se lo evito è meglio. Siamo stati a Castelsardo, che sta a nord della Sardegna. Volevamo fare una vacanza rilassante, con il mare a due passi, senza avere lo sbattimento di prendere l’auto ogni volta. Bene ci siamo riusciti, adattandoci un po’ per la sistemazione e per i pasti, siamo stati fuori sei notti. Siamo tornati  abbronzati, felici e rilassati. Figuratevi che da quando siamo rientrati non abbiamo ancora litigato. Sarà un miracolo o abbiamo trovato la formula segreta delle nostre vacanze?

Lu Bagnu. Castelsardo