Archivi categoria: Festività

Buon Anno!

 

img-20180101-wa00071495822726.jpg

Con questa significativa gift

auguro a tutte le lettrici e i lettori

di questo blog

un 2018 ricco di soddisfazioni.

A presto.

Speranza

Annunci

Ringraziamento

DSC_0028

Ringrazio di essere qui, dopo un anno,  a scrivere un altro post di Ringraziamento.

Ringrazio per tutto quello che ho, per mio marito, per la mia famiglia e i nipoti.

Ringrazio per il lavoro. Ringrazio di essere maestra. Ringrazio per i miei alunni e le loro famiglie.

Ringrazio di vivere in Sardegna e di poter godere di un clima temperato.

Ringrazio di vivere in Italia, per la sua cultura, per le sue tradizioni, per il buon cibo e il buon gusto che si esprime in ogni campo.

Ringrazio il blog perché ho un piccolo spazio dove potermi esprimere liberamente.

Ringrazio tutti i lettori del blog che mi hanno letto e che mi leggeranno in futuro.

25 aprile

206912_1984751860635_1298409806_32410377_6180003_n
Lapide affissa nel Comune di Scandicci (Firenze)

Quest’anno ho notato che molti miei contatti del web hanno dedicato dei bei post alla ricorrenza del 25 aprile. Come se ci fosse il bisogno comune di fare il punto della situazione . Per ringraziare quei nonni che, ancora vivi o già partiti, hanno combattuto a caro prezzo per la libertà. Quella di cui noi godiamo ora che diamo per scontata, perché ci è stata data in eredità.

E’ nostra e  non ci è costata granché ed è per questo che in molti ora ci permettiamo il lusso di calpestarla o di far finta che non è importante. Permettiamo  di demandare ad altri il nostro personale esercizio di libertà. Non vediamo che il pericolo di perderla è sempre in agguato.

Partecipo al 25 aprile 2016 con questo post,  piccolo, ma consapevole che anche una minuscola briciola è importante, soprattutto per me. Per dire io ci sono, sono consapevole e vigile.

 

 

Ciao 2015, benvenuto 2016

Da tre giorni siamo nel nuovo anno. Le vacanze sono agli sgoccioli, anzi diciamo che sono finite, infatti anche se non andrò a scuola fino a giovedì, da domani mi metterò sotto per correggere le verifiche e aggiornare il registro elettronico, preparare le lezioni e terminare dei lavori che avevo lasciato in sospeso ben prima delle vacanze.

In questi giorni non abbiamo fatto niente di particolare, siamo stati con le nostre famiglie, concedendoci una vita lenta senza corse e affanni, rimandando il rimandabile. La scoperta dell’acqua calda è che tutto o quasi tutto è rimandabile e a certe cose si può rinunciare senza tanti patemi.  Abbiamo così recuperato le energie fisiche e mentali, e ora siamo più freschi per un gennaio pieno d’impegni.

Ho fatto una lista mentale delle cose che volevo fare lo scorso anno, il progetto più grande, che era quello di tentare l’ultima carta per allargare la famiglia, non è andato in porto. Abbiamo pensato che per la nostra coppia era un investimento troppo pericoloso. Piano piano ci siamo rasserenati e ora stiamo vivendo uno scatto di crescita. Ben si sa che gli agguati della vita si affrontano meglio se si è in due: è fondamentale chi si ha a fianco in questi momenti. Mylove per giorni non ha fatto che ringraziarmi, nonostante fosse superfluo mi ha fatto piacere.

Agli inizi di questo nuovo anno sto pensando ad un progetto di lungo periodo, il fatto che si andrà in pensione a 67 mi far rabbrividire, non credo di farcela a combattere bambini e genitori fino a quell’età. Mi piacerebbe continuare ad insegnare, ma a degli adulti. Qualcosa mi frulla, ma sono solo idee nebulose. Ancora nulla è chiaro, né la fattibilità, né i costi di questa impresa. Forse rimarrà tutto campato una aria, però aver nuove prospettive  mi fa tanto bene, magari porterà a qualcos’altro.

Buon anno a tutti voi! Che sia un anno di rinascita per tutti.

Ed è sempre Natale

IMG_1323Ovviamente è stato un Natale diverso dagli altri. Non ho fatto la solita preparazione, non sono andata alla Novena, non ho fatto l’albero e neanche il presepe. In casa non ci sono luci o addobbi particolari. Non abbiamo fatto regali. Solo i nipoti grandi hanno beneficiato delle magica busta, quelli piccoli hanno ricevuto un Babbo Natale di cioccolato e un sacchetto con delle monete. Tutti felici di quello che hanno ricevuto. Sono proprio bravi nipoti! Non sono neppure andata a Messa perché non stavo bene. La cervicalgia è sempre una gran guastafeste.

Nonostante tutto ciò è stato un bel Natale, passato in compagnia delle nostre famiglie, come da tradizione il Cenone di Natale dai miei genitori  e il Pranzo del 25 dai suoceri. Abbiamo preparato delle buone cose da mangiare che hanno riscosso molto successo. Il pane che fa mio marito, con la macchina del pane, è molto gettonato. Non si butta via nulla. Pure le croste vanno via come il pane!

Ho mandato tanti messaggi di auguri e ne ho ricevuti anche di più.

Come dice mia suocera: non bisogna fermarsi, la vita va avanti. Dobbiamo farlo per noi stessi e per tutti quelli che ci vogliono bene.

Nonostante la malinconia, la tristezza e il senso di estraniamento che ci prende ogni tanto, è sempre Natale. Si celebra la nascita di un Bambino speciale, venuto al mondo per combattere le tenebre della morte.

Buon Natale e buon proseguimento con i festeggiamenti.

 

 

Otto marzo

IMG_0691
Buon Otto Marzo a tutte!

Per me non è mai stata una festa comandata, è brutto dirlo, un po’ subita. Nel secolo scorso ho partecipato a pizzate una pure con finto spogliarello. Che tristezza! Mi sentivo a disagio per quel povero ragazzo in mezzo a tutte quelle donne scatenate! Da quella volta in poi mi sono accertata prima che si andasse in qualche locale che non avesse niente in programma per l’occasione. Pronto?, avete organizzato qualcosa per la festadelladonna? No? Benissimo prenoti per quattro! Da alcuni anni non facciamo più nulla, è un peccato perché poi risultava essere l’unico momento dell’anno per ritrovarsi tutte assieme, raccontarsi e sfasciarci dalle risate a ricordare gli aneddoti paradossali di ciascuna!

Stamane, prima che mi alzassi ho pensato che già ieri avevo ricevuto due “pensieri mimosi” ed entrambi da donne! Anche io ho già fatto gli  auguri con wathapp alle mie amiche. Mi piace questa cosa che siamo noi donne a farci gli auguri! Siamo noi le protagoniste della festa. Viviamo in una zona del mondo dove abbiamo molti diritti, ma non abbastanza. Non voglio elencare tutte le cose brutte che capitano alle donne in Italia, in Europa e nel mondo occidentale in generale, basterà leggere un qualsiasi giornale di oggi.  Molto c’è da fare, molto c’è da lottare, in modo diverso che in passato.

La lotta per i nostri diritti è giornaliera, non urlata. E’ una lotta silenziosa, di resistenza, di semplici no, o porte chiuse in faccia, di facce gelide in risposta a chi oltrepassa il limite,  è anche ricordare gentilmente a qualcuna che si è fatta calpestare, per x motivi, che forse non è bene quello che ha fatto. E’ consigliare a qualcuna di scappare e mollare chi la sta facendo soffrire. E’ una lotta di solidarietà, immedesimandoci nelle situazioni che vivono le altre senza giudicare.

E’ anche convincere Mylove a non sprecare una bella giornata, chiudere la porta di casa dietro di noi e andare al mare! Buona giornata a tutte!

 

 

 

 

 

Vacanze e letture

E’ il primo lunedì dell’anno, ma domani è nuovamente festa. Siamo tutti un po’ sballottati da queste festività a salti, che impediscono di ritrovare la routine quotidiana. Non voglio lamentarmi! Tanto  questo periodo dura solo quindici giorni, che volete che siano di fronte alla piattezza delle settimane che ci aspettano?

Non è che durante le vacanze  abbia spaccato il mondo. Mi sono riposata, ho dormito alla grande, mi sono concessa della mattinate di poltronite acuta a letto, che di solito mi concedo solo quando sono malata! Ho mangiato e bevuto, non mi sono privata di nulla, la bilancia non mente, ma fra un po’ tornerò al mio peso normale, due chili e rotti in più non sono una tragedia.

Ho letto, come ho già detto nei post precedenti, dedicandomi alla mia salute spirituale, alcuni libri di Paolo Curtaz: Gesù Guarisce,  Gesù incontra, In coppia con Dio e l’ultimo, che sto terminando in questi giorni, è  Gesù zero. Cercare di togliere le croste di duemila anni di storia della Chiesa non è un’impresa da poco. Come ho già detto nei post precedenti Paolo Curtaz, prende per mano chi legge e lo riporta all’origine della fede cristiana: Gesù.  Mentre leggiamo ci  chiama in causa  e gli ci fa prendere posizione. No, non sono letture prettamente rilassanti. Piacevoli sì, ma fanno lavorare il cervello e il cuore, facendoci  togliere la polvere religiosa accumulatasi strato dopo strato negli anni. Leggere i suoi libri mi ha arricchito molto e mi sta aiutando a fare chiarezza per i passi futuri. Però ora dico stop ad altri suoi libri, ho bisogno ruminare quello che ho letto, anche ritornandoci più volte.

Ho anche letto l’ebook  Narrarsi online di Francesca Sanzo, conosciuta nella blogsfera come Panzallaria . Ho seguito Francesca nella sua muta: in un anno ha perso ben 43 kg! Cosa che racconta anche nell’ebook. Il suo è un libro che consiglio a tutti quelli che hanno un blog e che vogliono migliorare la presenza in rete. E’ dedicato soprattutto a coloro, singoli e aziende, che  hanno bisogno di comunicare  bene quello che fanno e che offrono agli altri. Mi è piaciuto perché fa capire, anche  a me che ho solo un blog personale, come migliorare il mio modo di raccontarmi e il mio stare in rete, cercando di interagire un po’ di più con gli altri sfruttando consapevolmente anche Facebook e Twitter. La condivisione di quello che si fa, ma soprattutto quello che si è, senza trucchi e senza inganni, è l’aspetto migliore della rete. Ed è per questo che ci sto volentieri.

Quest’estate sullo stesso genere ho letto Due gradi e mezzo di separazione, di Domitilla Ferrari. Anche questo mi è piaciuto per gli stessi motivi che mi hanno portato a leggere Narrarsi online. Se sto in rete un motivo ci sarà, tanto vale cercare di capire e arredare al meglio il posto in cui invito gli altri a far salotto. Però non mi ha convinto a uscire allo scoperto, a stare in rete con la mia identità. Il nickname mi garantisce ancora una libertà che non ha paragoni. Credo che sia giusto proteggere me stessa, i miei cari, i miei alunni e le loro famiglie, dall’orribile lato oscuro della rete. Non riuscirei davvero a scrivere manco una riga!

Buona settimana e buona Epifania!

 

Buon 2015! L’anno dei sorrisi

Calendario 2015 di Frate Indovino
Calendario di Frate Indovino. Sotto ci sono quelli vecchi!

L’anno nuovo è iniziato bene. Una cena con 12 persone di cui due bimbi, uno di otto e una di due, che hanno retto fino alle tre e mezza! Un minuto dopo sono crollati!  L’ultimo dell’anno è finito con la magia regalata da minuscoli fiocchi di neve che hanno ricoperto tutto e sono stati lì a farci compagnia fino alla fine. Da noi, più che pianura non si può, la neve è un evento raro, l’ultima volta è stata vent’anni fa e io manco c’ero.

Questa è neve!
Questa è neve vera!

E’ stato l’ultimo regalo del 2014. Che era iniziato così così, ma poi c’è stato un crescendo meraviglioso che a quanto dicono le stelle, durerà tutto il 2015. Sono del Leone e questo è il nostro anno. Pure mia sorella è del Leone, ma non ha quest’impressione. Dipenderà dalla decade, ma soprattutto da quello che ti piomba addosso e dalle forze che hai per combattere.

Quindi eccomi, qua pronta e scattante, con calma però. Voglio godermi ancora questi giorni lenti e pigri. Ho tanti progetti e idee. Come al solito qualcuna la realizzerò, qualche altra no, qualcosa andrà male, qualcosa andrà bene. Io e Mylove abbiamo  un unico grande progetto. Vorremmo tanto che si realizzasse, e sento che potrebbe davvero accadere 🙂

Presa dal qui

Auguro a tutti un anno di risate e sorrisi. La vita ci sorriderà se la guardiamo sorridendo e ridendo di noi stessi ci divertiremo un sacco! * Buon 2015

 

* Sono frasi che mi ronzano in testa da sempre perché stampate in cartoncini delle paoline, che hanno regalato a me tanti anni fa e poi  ho comprato e regalato in quantità industriali.

Buon Natale!

Adoro le Stelle di Natale!

Adoro le Stelle di Natale!

Già lo so che oggi è Santo Stefano, però siamo nell’Ottava di Natale e poi non scordiamoci l’Epifania.  Un evento che ci tiene impegnati tante settimane con preparativi vari non può finire in ventiquattro misere ore! Quindi Buon Natale a tutti, credenti e non credenti. Il messaggio del Natale è valido per tutti gli uomini e le donne di buona volontà. E voi lo siete!

Anche quest’anno abbiamo rispettato le nostre tradizioni di famiglia. Non è poco. Mio suocero è felicissimo di aver “rubato” un altro Natale alla malattia, e spera di rubarne altri! A mia sorella e mio cognato, due settimane fa, è caduta in testa una bella tegola. Di quelle affilate che tagliano anche l’anima, ma sembra che ci sia una buona soluzione. Cambieranno alcune cose, ma forse non tutto il male viene per nuocere.

Io e Mylove siamo molto zen e ci stiamo divertendo tanto a stare insieme. Che dire? Mi godo il momento! Vorrei dire a tutti quelli che ora non sono al cento per cento, neanche al l’ottanta e neanche al venti (spero di no) di avere pazienza, stringere i denti, aspettare, meditare, la ruota gira e un giorno, senza fatica inizierà un periodo in cui tutto quello che farete andrà bene. Tutto sarà meraviglioso. Sarete in pace con tutti, o quasi.

Auguro a tutti che per tutti inizi un bel periodo. Buon Natale!