Diario di lettura 2016

Pixabay.com
Pixabay.com

Finisco l’anno parlando di libri. Stamani ho terminato l’ultimo libro.  Questi i libri letti negli ultimi tre mesi.

29) Il giardino dei fiorii segreti. Cristina Caboni. I libri di quest’autrice mi piacciono moltissimo. Nel suo terzo libro si legge delle vicende di due gemelle divise in tenera età  quando i genitori si sono separati: una col padre e una con la madre. Vivono senza sapere che hanno una sorella gemella, fino a quando non s’incontrano per caso a Londra. Da lì riprendono i fili della storia della loro famiglia che rinascerà per merito loro. L’ho letto tutto d’un fiato, come piace a me!

30-31)  L’amica geniale e Storia del nuovo cognome. Elena Ferrante Sono rimasta incollata ai libri fino a quando non ho letto l’ultima pagina. Qualcuno ha detto che è una lettura ipnotica. Con un atto di ferrea volontà ho interrotto la saga, giusto per staccare un pochino. Non vedo l’ora di ricominciare. Mi attendono gli altri due!

32) L’arte di insegnare, Isabella Milani. Prezioso libro scritto da una docente di scuola media. Ne consiglio la lettura a tutti gli insegnanti, giovani alle prime armi e insegnanti di vecchia data. Una rinfrescata non fa mai male. Ci aiuta a non fossilizzarci nella nostra azione educativa, perché non è importante solo lo svolgimento del programma, ma soprattutto renderci conto con chi e cosa abbiamo a che fare tutti i giorni. Lo consiglio anche ai genitori, perché fa capire chiaramente che il lavoro dell’insegnante non si esaurisce uscendo dalla classe.

33) Il metodo danese per crescere bambini felici, Jessica Alexander . Questo libro invece è scritto da una mamma americana, sposata con un danese. Ci parla del metodo educativo danese che da quarant’anni fa schizzare in cima alla classifica del paese più felice del mondo. Bambini felici diventeranno adulti felici che educheranno bambini felici. Semplice no? Consigliato a tutti gli educatori che si occupano di bambini: genitori, insegnanti, zie e zii, allenatori.

34) Altrove, forse. Amos Oz. Non avevo mai letto nulla di questo autore e per caso mi è capitato di comprare questo titolo. Che poi ho scoperto che è il suo primo libro, scritto all’età di 22 anni. E’ ambientato in un kibbutz israeliano. Si narrano le vicende di questa piccola comunità che ha pregi e  difetti. Non ho trovato agevole la lettura, ma sono contenta di averla portata a termine e di avere letto dopo le recensioni che mi hanno aiutato a capire di più.

Chiudo il 2016 con un numero considerevole di libri letti, ma decisamente sotto la mia media, che gli scorsi anni era di un libro a settimana. Ma di questo non bisogna crucciarsi: domani inizia un altro anno carico di novità, belle e brutte, avventure e tanti libri da leggere.

Buon anno!

Annunci

4 pensieri su “Diario di lettura 2016

  1. 34 sono un buon numero anzi ottimo, non ti crucciare e tantissimi auguri per i giorni a venire con tante fantastiche letture ma ovviamente non solo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...