Prima settimana di scuola

pixabay.com
pixabay.com

Lunedì scorso siamo tornati a scuola. Il primo giorno come è tradizione è stata una festa, quest’anno poi abbiamo avuto anche le autorità regionali! Non so mi spiego. Una cosa lunga e noiosa, per poco i bambini non si arrampicavano sui nuovi infissi! Ad un certo punto le autorità se ne sono andate e abbiamo cominciato a percorrere i binari consueti. Io e Collega abbiamo accolto i genitori e i bambini di seconda nella nostra aula rimessa a nuovo. Ho iniziato portando i saluti dalla collega che sta combattendo la guerra contro il male, al  momento abbiamo  buone notizie, si cominciano a vincere delle battaglie. E siamo tutti felici! Ho spiegato che insegnerò italiano, storia, geografia, musica e arte. Le mie materie preferite!

I bambini sono 24, tanti tanti, la classe ha un buon livello di apprendimento. I genitori hanno quasi tutti un buon livello d’istruzione e seguono i figli nel loro percorso di apprendimento, cosa molto importante.

Con Collega abbiamo avuto qualche sclerata attimo di tensione, udite udite, per l’orario. Diceva che il suo era peggiore e tante altre stupidaggini che mi hanno ferito fino alle lacrime. Ho chiamato in causa vicepreside e preside che hanno risolto il caso. Mi hanno dato delle dritte per poter lavorare in serenità con Collega che, è un’ottima insegnante e persona, ma ha le sue ansie. Ho già messo in pratica i buoni consigli e sembrano funzionare. Anche io mi sento più tranquilla. E vissero felici e contente. Speriamo.

Nei prossimi post vi presenterò le mie 24 simpatiche canaglie. Alcune loro uscite meritano già di essere segnalate. State connessi.

Buon inizio di settimana!

 

 

Annunci

2 pensieri su “Prima settimana di scuola

  1. Oh mamma, speriamo che Collega sia dia una calmata.
    A scuola di Miciomao non c’è ancora l’orario definitivo, nemmeno quello provvisorio, il giorno prima dicono cosa ci sarà il giorno dopo e le insegnanti ci sono tutte. Mah

    1. Anche se le insegnanti ci sono tutte è difficile non è semplice elaborare un orario. L’anno scorso ci ho impiegato un mese. C’era sempre qualche cosa che non andava. Meno male che me ne sono liberata.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...