Archivio mensile:settembre 2013

Papa Francesco e Speranza: cronaca della giornata 2.

La Messa è finita. Vado in pace? Macché! Decido di avvicinarmi il più possibile al sagrato della Basilica. Per raggiungere la meta devo uscire dal mio settore, fare un po’ di giri e trovare il modo di arrivare al di là delle transenne e fare i 170 gradoni della scalinata.

Tranenna o mia transenna quanti passi devo fare per arrivare alla chiesa?
Transenna o mia transenna, quanti passi devo fare per arrivare alla chiesa?

Con alcune persone abbiamo cercato di forzarle e aprirle, ma erano troppo vicine e non si staccavano. Che fare? Ho scavalcato, ovviamente senza farmi beccare dalla sorveglianza. Con finta noncuranza ho fatto i gradini e mi sono trovata in mezzo ai sindaci e i notabili della Sardegna!

Sindaco per un attimo
Sindaco per un attimo

Mi mancava solo la fascia tricolore!

Nessuno badava a me, neanche io badavo a me. Eravamo concentrati: esce, non esce? Su quale macchina salirà? Niente papamobile, probabilmente era un po’ stanco. Stellina, ha la sua età! Eccolo, dentro l’auto blu!  Ma ero troppo lontano per vederlo bene. Ok. Stasera ci sarà l’incontro con i giovani, ho tutto il tempo di mangiare e raggiungere il Largo Carlo Felice. Intanto mi avvicino al simulacro della Madonna di Bonaria che mi fa sempre emozionare. La tocco e faccio il segno della croce e così per i piedi del Crocifisso.

Papa Francescoai piedi della Madonna di Bonaria
Papa Francesco ai piedi della Madonna di Bonaria – foto Ansa

DSCN3739

DSCN3736

Sarà la bellezza, sarà l’altezza umana delle statue, sarà l’emozione nel pensare che fino a pochi istanti fa c’era Papa Francesco, ma lì sto proprio benissimo!

DSCN3734

Osservo il bel dipinto a terra, raccolgo dei garofani: li darò a delle persone care che hanno bisogno di essere pensate.  Mi giro e guardo la Piazza dei Centomila semivuota. Lì in fondo c’ero pure io. Una goccia nel mare di gente. Cosa avrà provato Francesco vedendo tutta quelle persone? Si sarà commosso? Io sì, solo al pensiero.

Ero all'altezza degli alberi , angolo a destra!
Ero all’altezza degli alberi , angolo a sinistra!

Torno verso l’altare e lo sfioro. Un momento: quello non è lo scranno dove si è seduto il Papa durante la Messa? Mi avvicino e insieme ad altre due donne lo tocco,  lo accarezzo, forse dico quelche preghiera con gli occhi lucidi.  Ad un certo punto arriva un inserviente che ci ha riportato alla realtà: adesso vi prendo il giocattolo! No, la prego ci faccia sedere un attimo. Eddai, posso aspettare ancora un pochino. Mi sono seduta, felice ed emozionata! Una ragazza straniera mi ha chiesto: tu volere foto? Si, grazie! Le ho consegnato la macchina fotografica e mi ha immortalato. Se qualcuno me lo avesse detto prima non ci avrei mai creduto! Seduta nella sedia di Papa Francesco! Ancora oggi a distanza di una settimana non riesco a crederci!

Felice come il Papa!
Felice come il Papa!

Ho mangiato lì sulla scalinata della Basilica: tramezzini ed adrenalina. Ero sola ma insieme a  migliaia e migliaia di persone! Tutte felici, soddisfatte e  consapevoli di quello che avevamo vissuto, io poi, più degli altri.

DSCN3730

Lentamente mi sono diretta alla meta della serata. Altro pipì stop nei bagni chimici e perlustrazione del luogo per cercare di capire quale fosse la posizione migliore. Per questo incontro non avevo il pass, era per i giovani e i loro accompagnatori. Ovviamente mi sono guardata bene di chiederne uno: largo ai giovani! Mi sono piazzata in una buona posizione: vedevo bene lo schermo e con un po’ di fortuna forse avrei potuto vedere bene anche il Papa dal vivo. Bisognava solo avere la pazienza di aspettare tre ore.Solo tre ore!

DSCN3753
Il ricordo di questa giornata l’accompagnerà per tutta la vita
Riposiamoci un po'
Riposiamoci un po’!
Tutti vicini vicini
Tutti vicini vicini

Mi sono seduta per terra e fatto amicizia con altre signore: con le unghie e con i denti, con gentilezza e fermezza abbiamo difeso la postazione. Mentre sul palco frati e suore si dimenavano nel flash mob, la gente diventava sempre di più, ormai era calca!

Flash mob fratesco e suoresco!

ARRIVA! ARRIVA!
ARRIVA! ARRIVA!

Improvvisamente la folla inizia a far salire il tono del mormorio: erano urla e canti, bandiere e striscioni. Eccolo arriva! E io urlavo e cantavo, mi agitavo e applaudivo, ridevo e piangevo.

Grande e piccolo
Grande e piccolo!

Con lo zoom

DSCN3769

Era lì. Lo vedevo gigante nello schermo ma tremavo quando lo vedevo piccolo piccolo nel palco. Inizia a parlare e scende il silenzio, nessuno voleva perdere le sue parole. Quante verità nel suo discorso! Non cedete alla dea lamentela. Avrei voluto che non finisse mai di parlare. Invece ci saluta e ci dice arrivederci. Ha finito di parlare. La folla ricomincia a urlare.  I volontari hanno dei momenti di cedimento, anche loro vogliono vederlo. Ne approfitto e scavalco le transenne! Ancora transenne! Mi ritrovo nel settore riservato alla stampa: giornalisti, fotografi e cameram.

Papamobile vicinissima!
Papamobile vicinissima!

Sono sotto le telecamere della tv vaticana, dall’altra parte c’è Videolina.  A due metri c’è la papamobile. Francesco sale e  saluta, si gira verso di noi, per un attimo mi ha guardato, ha guardato dalla mia parte! Dall’emozione ho fatto un’unica misera foto

Francesco, girati dalla mia parte!
Francesco, girati dalla mia parte!
Si è girato! Emm, questo braccio potrebbe essere il mio!
Si è girato! Emm, questo braccio potrebbe essere il mio!
Chi Deus ti paghit totu su prexiu chi s'a donau.
Chi Deus ti paghit totu su prexiu chi s’at donau.

Era lì,  a due metri. Lo accompagno con lo sguardo fino a quando la papamobile viene inghiottita dalla folla. Sono ancora in trance. Un giorno stringerò la sua mano e parlerò con Papa Francesco. Parola di Speranza!

Annunci

Papa Francesco e Speranza: cronaca della giornata. 1.

Quando ho avuto in mano il pass per la Messa ho scritto un post dicendo che era stato tutto organizzato alla perfezione, tutte le parrocchie erano organizzate, tutte tranne la mia! Il mio parroco prima non voleva prenotare le desiderata, per poi smentirsi dopo alcune ore. Io, unica del gruppo avevo il pass per uno dei settori più lontani. Gli altri avevano tutti il pass per il primo settore. Ma io ero troppo concentrata  e felice per arrabbiarmi per questa disparità. Avevo già fatto il mio programma: una volta arrivata a Cagliari mi sarei divisa dal gruppo e da sola avrei potuto spostarmi come volevo! Detto fatto.

Sabato notte con calma ho preparato tutto il necessario, Mylove mi ha fornito di fantastici tramezzini, con il pane fatto da lui con la macchina del pane, e vi assicuro che erano buonissimi!  Mi sono svegliata ben due ore e mezza prima che suonasse la sveglia! Io e il sonno ultimamente abbiamo qualche problema di comunicazione! Comunque gira che mi rigira, a furia di guardare la sveglia l’ho consumata: quelle lancette camminavano troppo lentamente! Alla fine mi sono alzata e preparata con calma e alle 5,30 ero in piazza che aspettavo il gruppo. La solita ritardataria ci ha fatto temere che il nostro piano per aggirare il traffico andasse a monte. Il piano prevedeva che si prendesse la metro veloce e che si arrivasse al capolinea e poi si raggiungesse la chiesa a piedi. C’era tanto da camminare perché le strade erano tutte bloccate. Arrivati alla fermata della metro i treni che passavano in direzione Cagliari erano affollatissimi: tutti stretti stretti, come avranno fatto ad aprire le portiere per scendere non si sa! Tutti insieme abbiamo detto: prendiamo il treno al contrario, quando è ancora vuoto e poi senza scendere ripartiamo dal capolinea! E’ stata l’ideona eccezionale che ci ha fatto arrivare a Cagliari in orario perfetto!

Arrivo al capolinea di Piazza Repubblica
Arrivo al capolinea di Piazza Repubblica. Quanta gente!

Dopo pochi metri mi sono separata dal gruppo! Yuppie. Ero felicissima e libera. Non dovevo dare l’esempio a nessun ragazzo, non dovevo aspettare le comodità di nessuno, non dovevo rendere conto niente di niente, non avrei sentito nessuna lamentela per gli inevitabili disguidi. Forse non è molto cristiano tutto ciò, ma per una che si sente responsabile di tutto e di tutti, forse per deformazione professionale, questa è una gran cosa, no?

Ciao ciao. Ci sentiamo quando finisce la Messa!
Ciao ciao. Ci sentiamo quando finisce la Messa!

Con passo deciso e calmo, si può si può, ho raggiunto l’accesso del mio settore, ma prima ho fatto il pipì stop nei bagni chimici. Non è un esperienza che si consiglia, ma necessaria per non rovinarsi la giornata. La mia amica dice che se l’è tenuta fino al rientro a casa! Aiuto! Poi finalmente ho raggiunto il mio settore.

La fede fa andare oltre le scomodità!
La fede fa andare oltre le scomodità!
Non vedevo bene neanche lo schermo!
Non vedevo bene neanche lo schermo!

Dalle foto vi rendete conto che non è che vedessi un granché.  Ma era importante  lo spirito dell’essere lì per me e anche per il Papa. Lui viene a trovarci a pochi chilometri da casa mia e io sto sul divano a vedere la diretta? Ma neanche per idea!

Chi ha avrà avuto l'idea di piazzare lo schermo dietro l'albero e non davanti?
Chi ha avrà avuto la brillante l’idea di piazzare lo schermo dietro e non davanti l’albero?

Mancavano due ore e mezza all’inizio della Messa, nell’attesa  ho stilato una lista di persone per cui volevo pregare in quel giorno! Come vedete non mi sono assolutamente dimenticata di voi! Alè! Abbiamo iniziato a pregare il rosario, ma poi gli schermi hanno cominciato a trasmettere le immagini dell’arrivo all’aereoporto, della folla che lo attendeva lì, e soprattutto dell’incontro con i lavoratori! Che sante parole dette con il cuore, ma che rileggendole a mente più fredda acquistano un valore ancora più grande!

L'ho visto con i miei occhi!
L’ho visto con i miei occhi, ma la fotocamera no!

E poi e poi è passato abbastanza vicino, ma velocemente perché l’ora della Messa si stava avvicinando inesorabilmente. Ha iniziato a far caldo, i volontari passavano e ripassavano in continuazione a distribuire bottigliette d’acqua e pregavano di farle arrivare fino in fondo. Qualcuno nonostante tutto si è sentito male ugualmente e allora giù per terra a gambe tenute in alto da persone premurose. Quando sono arrivati i soccorsi stavano già meglio e non c’è stato bisogno che intervenissero.

L'ombrello bianco e giallo: lì c'è Cristo! Qualcuno sta distribuendo la comunione!
Ombrello bianco e giallo: lì c’è Cristo! Qualcuno sta distribuendo la comunione!

L’Angelus non l’ho sentito bene perché ero impegnata a far la fila per la comunione. Purtroppo le particole non sono bastate per tutti! Troppa gente! Ma io sono stata una di quelle che l’ha presa! Sarei andata a casa un po’ delusa se non fossi riuscita a fare la comunione. Stavo già pensando che sarei andata a Messa lunedì!

Quanta gente! Chi ci ha contato dice 400mila!
Quanta gente! Chi ci ha contato dice 400mila!
Chi non c'era era incollato alla tv! Videolina ha trasmesso tutto tutto!
Chi non c’era era incollato alla tv! Videolina ha trasmesso tutto tutto!
Non era facile resister alla tentazione di comprare gadget!
Non era facile resistere alla tentazione di comprare gadget!

Alla fine della Messa hanno aperto i varchi per chi era nei settori della gente sprovvista di  pass ed è da quel momento che mi è presa la fregola di voler arrivare in cima della scalinata prima che il Papa andasse via!

Ma di questo vi racconto nella prossima puntata!

Io e Papa Francesco pellegrini a Bonaria

 

Passano le ore, ma le emozioni e i sentimenti intensi vissuti domenica non accennano a diminuire. Sono talmente carica che potrei fornire energia elettrica alla mia casa per un anno intero.

Innnanzitutto la visita del Papa a Cagliari è stata per me un’esperienza di fede. Un’esperienza profonda e vera che ha toccato ogni singola cellula del mio essere. Ero coinvolta in pieno a tutti i livelli: il mio essere corpo, mente, cuore, essere donna, religiosa, cristiana, cattolica, insegnante, sarda, italiana, blogger, amica.

Senza ombra di dubbio è stato uno dei giorni più belli della mia vita, direi il secondo, il primo è il giorno del matrimonio. Questo giorno e quello che ho vissuto rimarrà dentro di me per sempre, ma non come una cosa che ho vissuto ed è finita lì. E’ il traguardo di un lungo percorso di anni e nello stesso tempo il punto di partenza degli anni futuri.

Nessun mistero, per chi bazzica in questo blog e in quello precedente, del mio essere in sintonia, sin dal primo minuto dell’elezione, con Papa Francesco. Mi colpisce il suo modo di vivere la fede che in un primo momento sembra semplice, ma poi ti rendi conto che è frutto di lunghe ore di meditazione, riflessione e preghiera. Lo percepisco come un testimone e una guida credibile: crede in quello che fa e fa quello quello in cui crede. Non è sempre facile, a volte ha dubbi, pecca, si addormenta mentre prega: io sono come lui. Siamo esseri umani. Nessuno è perfetto, neanche il Papa! Ma nonostante il nostro essere peccatori e imperfetti, stringendoci a Cristo e a Maria, andiamo avanti, a volte indietro, ed è questa la nostra vocazione alla vita.

Vorrei che nessuna parola  che ha pronunciato a Cagliari andasse perduta, perché sono tutte centrate e piene. Ma alcune le sento ancora senza noia in un infinito replay.

Ai lavoratori, disoccupati, cassaintegrati, che gridavano “lavoro lavoro lavoro” ha detto che anche questa è una preghiera, Che un un uomo senza lavoro è senza dignità, che ogni uomo deve portare a casa il pane per sé e per la famiglia.

Avevo preparato il discorso scritto: ma guardandovi ho detto delle parole che mi vengono dal cuore, non voglio dirvi coraggio, come un impiegato delle fede, ma mi chiedo come posso aiutarvi con tutto il cuore.

Ai giovani ha detto di non essere tristi e sfiduciati, perché con questo atteggiamento senza speranza da chi andate a cercarla: da chi vende la morte. Non dovete fare questo, non lasciatevi rubare la speranza. Non credete al dio lamentela, non lamentatevi, ma andate avanti.

Affidatevi alla Madonna di Bonaria, perché Maria è una buona mamma.

Potrei continuare all’infinito. Mi fermo qui con la preghiera spontanea per il lavoro. Nei prossimi giorni scriverò la cronaca della mia giornata, perché vale la pena raccontarla e la vostra Speranzina pur di avvicinarsi al Papa ha scavalcato letteralmente tutto lo scalvalcabile!

Signore Dio guardaci! Guarda questa città, questa isola.

Guarda le nostre famiglie.

Signore, a Te, non è mancato il lavoro,
hai fatto il falegname, Eri felice.
Signore, ci manca il lavoro.
Gli idoli vogliono rubarci la dignità.
I sistemi ingiusti vogliono rubarci la speranza.
Signore, non ci lasciare soli.
Aiutaci ad aiutarci fra noi;
che dimentichiamo un po’ l’egoismo
e sentiamo nel cuore il “noi”, noi popolo che vuole andare avanti.
Signore Gesù, a Te non mancò il lavoro,
dacci lavoro e insegnaci a lottare
per il lavoro e benedici tutti noi.
Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo“.
Grazie tante e pregate per me!

 

Papa Francesco Pellegrino a Bonaria

DSCN3695Tutto è pronto. Sono emozionatissima. Ho in mano il pass per la Santa Messa di Domenica che sarà  celebrata a Cagliari da Papa Francesco. E’ iniziato il conto alla rovescia per una giornata che sarà indimenticabile. Speriamo solo nel bel tempo, il resto è stato organizzato alla perfezione. Tutta la Sardegna è in attesa per questo pellegrinaggio del Papa alla Madonna di Bonaria, che oltre ad essere la patrona della Sardegna,  ha dato il nome alla città di Buenos  Aires, come ha spiegato anche papa Francesco quando alcuni mesi fa ha annunciato la visita.

Il Papa starà con noi per circa 10 ore e già si annunciano numeri incredibili. Io sarò lì con la mia parrocchia, invece Mylove ha deciso di stare a casa, sono un po’ dispiaciuta per questo, ma sarà con me ogni secondo.  Ci sarete anche voi, con le vostre storie di gioie, dolori e speranze.  Se domenica vi capitasse di vedere qualche servizio sul pellegrinaggio di Francesco a Cagliari, pensatemi. Io sarò proprio lì anche per voi.

Con la Concordia

Foto dal Corriere della sera

 

Guardo le foto della  Costa Concordia che sta in piedi. Il nero della notte e quelle luci accese. Finalmente dritta, ammaccata, molto più di quello che si credesse, ma in verticale. Non ci credevo, ma è stata recuperata, con il lavoro di tanti durato mesi e mesi e mesi. Silenzioso e preciso. Mi dico se è stato possibile questo, forse anche la nostra Italia riuscirà a rialzarsi. Con il lavoro caparbio di chi in silenzio sta lavorando per questo da tanto tempo.

Questo voglio credere oggi. Ce la possiamo fare. Tutti insieme, con la concordia delle parti. Con Concordia, appunto.

A si biri in cielu

Ciao B.

Te ne sei andato anche tu. I posti vuoti in questa famiglia sono sempre di più. Va be’ siamo in tanti, ma quello che ci lascia straniti e allibiti è che i primi a partire sono i più giovani, mentre gli anziani resistono con i loro acciacchi a tutte le intemperie e gli tocca sopportare il dolore di seppellire figli e nipoti.

E io vorrei che non partisse nessuno: né anziani e né giovani. Vorrei che fosse sempre festa e mai funerali, invece è  sempre più spesso il contrario. Per questo, nonostante il  dolore straziante di questi giorni, sono sempre più convinta che occorre godere di tutto quello che ci danno quei brevi momenti sereni e felici.

Ciao Estate

 Nora_Spiaggia
Nora_Spiaggia

Credo che ieri sia stata l’ultima mattinata di mare. Abbiamo caricato in macchina in nostri due nipoti, Jey e Di e siamo andati a Nora. Oddio come sono cresciuti! Che nostalgia di quando dovevi rincorrerli nella spiaggia! Ora però sono più toghi, sono grandi, 17 e 13 anni, fanno discorsi da grandi e ti dicono la loro opinione e non devi combattere per niente. Sono proprio bravi. Stanno venendo su molto bene, che soddisfazione!

Jey
Jey

Oh, certo non è tutto rose e fiori, e pezzi delle tonsille di mia sorella sono ancora attaccati ai muri e qualcuno ancora va aumentare la collezione, ma direi che ci siamo: sono sulla buona strada. Di ha superato la fase adolecenziale, quella che ti va venire i nervi e dici: è un mostro, Jey c’è in pieno e lo guardiamo con compassione: troppo svagato, distratto, sempre attaccato allo smartphone, goffo, non ha la misura delle distanze. Povero, ma passerà.

Torre di Nora
Torre di Nora

Dicevo del mare. Siamo stati a Nora. Era bello, c’era pochissima gente, l’acqua era calda, e si stava benissimo. Avrei voluto prolungare all’infinito questa giornata, consapevole che sta arrivando l’autunno e il mare estivo ce lo scordiamo. Infatti oggi è già autunno con il ticchettio dellla pioggia che ci fa compagnia, gli ombrelli che sostituiscono gli ombrelloni, le scarpe chiuse che ridono in faccia alle infradito. Che ci volete fare? è il ciclo delle stagioni.  Non è un addio, ma un arrivederci. Ciao Estate!

Chiesa s. Efisio_ Nora Urgono lavori sul piazzale!
Chiesa s. Efisio_ Nora
Urgono lavori sul piazzale!

Girotondo intorno al mondo

Girotondo intorno al mondo di Sergio Endrigo

Se tutte le ragazze, le ragazze del mondo
si dessero la mano, si dessero la mano
allora ci sarebbe un girotondo
intorno al mondo, intorno al mondo.

Se tutti i ragazzi, i ragazzi del mondo
volessero una volta diventare marinai,
allora si farebbe un grande ponte
con tante barche, intorno al mare.

Se tutta la gente si desse la mano
se il mondo, veramente, si desse una mano
allora si farebbe un girotondo
intorno al mondo, intorno al mondo.

************************

Mentre scrivevo ho fatto il solito gioco di cantare cambiando le parole: ho sostituito ragazze e ragazzi: con governanti, politici, religiosi, militari, cristiani, mussulmani, assassini, mafiosi….. li ho proprio immaginati darsi la mano. Che bello!

Uno, due, tre, sette miliardi di grida

Sette miliardi di grida di pace.

Il grido che anche i muti faranno

sarà così alto che anche i sordi profondi lo sentiranno (cit).

E’ un’occasione da non perdere, tutti possiamo fare qualcosa per la pace: tiriamo fuori, rosari, breviari, talmud, bibbie, corani, poesie, bandiere, canzoni e tutto quello che la fantasia e la creatività ci fa balenare in mente.

La pace è troppo importante per perderla così facilmente. Abbiamo troppo bisogno di gesti concreti d’amore , nel nostro piccolo quotidiano e nel vasto mondo. Ma ve l’immaginate l’energia positiva che si sprigionerà in quei momenti di silenzio e raccoglimento, quando tutto il mondo dirà la parola Pace? Mi vien da piangere solo a pensarci.

Chi sta nelle stanze dei bottoni non potrà fare a meno di sentirlo e far finta di niente, non ci saranno più gli alibi delle religioni a coprire l’orrore che ogni giorno ci viene trasmesso. Vogliamo la pace, la guerra è troppo costosa in termini umani ed economici. Non si può fare a meno di puntualizzare che i suoi effetti durano anche quando si torna alla pace. Possibile che gli uomini con le loro intelligenze e capacità non riescano a trovare altri modi per risolvere i conflitti?

Auguro alla Siria,  tutto il Mediorente e ogni luogo della terra in guerra, secoli di pace, quella senza armi e quella faticosa, a tratti noiosa , del piccolo quotidiano.

Buona Giornata della Pace a tutti!

Tipi da spiaggia a gogò

Avrete capito che in spiaggia non ho letto molti libri. Come potevo tuffare gli occhi in una pagina di libro con lo spettacolo della natura e soprattutto quello umano che  erà lì sotto il naso? Per leggere c’è sempre tempo!

DSCN3480A me non verrebbe mai in mente di giocare a carte in spiaggia!

 

DSCN3481La signora allena la mente con i cruciverba e rebus!

DSCN3482Che c’è di meglio fare un po’ di yoga al tramonto davanti al mare?

DSCN3533Clan famigliare che pranza in riva al mare. Secondo voi mangiavano solo frutta e verdura?

 

DSCN3539Se una ha i capelli lunghi e non ha fatto in tempo ad andare dal parrucchiere le treccine possono risolvere il problema!

DSCN3541Questo ragazzo merita il premio gentilezza: l’arenile era punteggiato di castelli e costruzioni di sabbia fatte dai bambini : per non rovinarle ha trovato una soluzione. Chiamala creatività!

DSCN3565La novità di quest’anno è questo pastore: vende forme di pecorino. Assaggi, se ti piace ritiri la merce quando vai via. Ti aspetta anche a mezzanotte. Chi ha detto che in Italia non c’è flessibilità?

spiaggia e telefoniniNon scagliamo il primo granello di sabbia! Chi in spiaggia non ha sbirciato nel cellulare? I nostri blog e bacheche sono affogati in un mare di foto dei nostri luoghi di vacanze!

Tore spiaggiato_correttaMylove spiaggiato. Giusto per non dimenticare chi è da dove viene ha voluto l’asciugamano sardo! Ajò!